ASAC Dati

la Biennale di Venezia: Archivio Storico delle Arti Contemporanee

home > Attività e manifestazioni > Cinema > Ricerca avanzata film
 

MY SIDE OF THE MOUNTAIN

Partecipazioni

21. Mostra Internazionale del Film per Ragazzi - Categoria II - Film per la fanciullezza - Gruppo A - Film a carattere ricreativo
30. Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica di Venezia (1969)


TraduzioneLA MIA PARTE DI MONTAGNA
Tit. distrib. ital.LA MERAVIGLIOSA AVVENTURA DI SAM E L'ORSETTO LAVATORE
Anno1969
RegiaJames B. Clark
SoggettoJean George
FotografiaDenys N. Coop
MusicaWilfred Josephs
InterpretiTeddy Eccles, Theodore Bikel
NazionalitàStati Uniti D'America
Dati tecniciLungometraggio, Colore, 100 minuti, 35 mm
ProduzioneRobert B. Radnitz Productions, Ltd.
DistribuzioneParamount Films

Sinossi: Deluso perché il padre non ha mantenuto la promessa di portarlo al campeggio, Sam Gribley, un ragazzo di 13 anni, decide di andare da solo in montagna. Egli parte dunque insieme al suo orsetto lavatore, Gus, portando con sé gli attrezzi da campeggio, un microscopio e dei libri, e lascia una lettera per i suoi genitori nella quale spiega di voler soltanto riscoprire la vita primitiva, come aveva fatto Henry D. Thoreau nel XIX secolo. Sam inizia la sua esistenza all'aria aperta nel cavo di un albero. Un giorno trova un falchetto che chiama Frightful e lo ammaestra per la caccia; questo gli permette di vivere con un'alimentazione a base di carne, verdura, pesce e frutta. Solo due persone riescono ad entrare nell'esistenza solitaria e primitiva di Sam: Miss Turner, una simpatica e comprensiva bibliotecaria che capisce appieno gli intenti pionieristici del ragazzo, e Bando, interprete di canzoni popolari, il quale, dopo poche settimane passate con Sam, riprende il suo girovagare. Miss Turner, e Sam s'incontrano per la prima volta nella biblioteca comunale, dove Miss Turner trova per lui un libro sui falchi, e Sam rimane impressionato dall'interesse che ella rivela per la natura e per gli uccelli in particolare. L'ultima volta che Miss Turner incontra Sam è in occasione del Natale in un momento in cui Sam si sente più solo che mai e, per la prima volta, ha paura: sul bosco infuria una tempesta di neve. È a questo punto che Sam decide di tornare a casa. Bando ha una parte molto importante nella vita del ragazzo: è lui che lo spinge a tornare. In certo qual modo, egli è la rappresentazione di Sam adulto, ma, contrariamente al ragazzo, Bando non ha nessun senso di responsabilità e preferisce girare il mondo cantando. Egli aveva insegnato a Sam a modellare la creta, ed altre piccole cose, come ad esempio, ottenere uno sciroppo dalla corteccia degli alberi di betulla. In seguito però ad una conversazione sulla vita ed i doveri che esso comporta, Sam ha un ripensamento e infine, decide di tornare a casa, contento di aver fatto ciò che voleva, e felice di rivedere i genitori, ma con nel cuore la speranza e il desiderio di nuove avventure.

Torna alla pagina precedente

la Biennale di Venezia © 2006   tutti i contenuti sono coperti da copyright