ASAC Dati

la Biennale di Venezia: Archivio Storico delle Arti Contemporanee

home > Attività e manifestazioni > Cinema > Ricerca avanzata film
 

LA BEAUTÉ DU DIABLE

Partecipazioni

Venezia Ieri - Retrospettiva René Clair
40. Mostra Internazionale del Cinema (1983)


TraduzioneLA BELLEZZA DEL DIAVOLO
Titolo BiennaleLA BEAUTÉ DU DIABLE
Tit. distrib. ital.LA BELLEZZA DEL DIAVOLO
Anno1949
RegiaRené Clair
SceneggiaturaRené Clair, Armand Salacrou
FotografiaMichel Kelber, Gianni Di Venanzo
Aiuto regiaMichel Boisrond
MusicaRoman Vlad
InterpretiMichel Simon, Gérard Philipe, Nicole Besnard, Simone Valère, Carlo Ninchi, Paolo Stoppa
NazionalitàFrancia, Italia
LinguaFrancese
Dati tecniciLungometraggio, Bianco e Nero, 91 minuti
MontaggioJames Cuenet
ScenografiaLéon Barsacq
ProduzioneUniversalia, Franco London Films, Enic (Ente Nazionale Industrie Cinematografiche)

Sinossi: Le tentazioni di Mefistofele non lo intaccano: Faust lo respinge ostentando disprezzo per il suo aspetto grottesco. Mefistofele, allora, assume le sembianze di un giovane, e poi quelle dello stesso Faust, che alla fine, accetta di essere trasformato nel giovane Enrico: lo vediamo correre spensierato per i campi, incontrare Margherita accanto ad un carrozzone di zingari, seguire la carovana e imbonire la gente di campagna con le più sballate teorie filosofiche. Per liberare Enrico dall’accusa di avere ucciso il vecchio Faust, Mefistofele è costretto a presentarsi in pubblico nelle sembianze del professore, di cui, ahimè, non riuscirà più a liberarsi. Insieme, Enrico e Mefistofele-Faust si avviano verso il successo, conquistando la fiducia del principe, l’amore della principessa e di altre donne; ma presto Enrico, vedendo quanta distruzione e rovina provocherà la sua potenza, rinuncia al patto con il diavolo e se ne scappa con Margherita. Il diavolo, furibondo, provoca terribili catastrofi, e quando il popolo in tumulto apprenderà che la colpa è tutta di Faust, reo di un patto infernale, si scaglierà contro Mefistofele che ne ha ancora le sembianze. Finalmente liberato dal suo vincolo, Enrico se ne andrà allora per le strade del mondo.

Torna alla pagina precedente

la Biennale di Venezia © 2006   tutti i contenuti sono coperti da copyright