ASAC Dati

la Biennale di Venezia: Archivio Storico delle Arti Contemporanee

home > Attività e manifestazioni > Cinema > Ricerca avanzata film
 

I GIORNI CONTATI

Partecipazioni

Venezia Ieri - Retrospettiva Elio Petri
40. Mostra Internazionale del Cinema (1983)


Titolo BiennaleI GIORNI CONTATI
Tit. distrib. ital.I GIORNI CONTATI
Anno1962
RegiaElio Petri
SceneggiaturaElio Petri, Carlo Romano
SoggettoTonino Guerra, Elio Petri
FotografiaEnnio Guarnieri
MusicaIvan Vandor
InterpretiSalvo Randone, Franco Sportelli, Regina Bianchi, Vittorio Caprioli, Paolo Ferrari, Angela Minervini
NazionalitàItalia
LinguaItaliano
Dati tecniciLungometraggio, Bianco e Nero
MontaggioRuggero Mastroianni
ScenografiaGiovanni Cecchi
CostumiGraziella Urbinati
ProduzioneTitanus

Sinossi: Cesare, un idraulico sulla soglia della sessantina, che ha lavorato sodo per tutta la vita, dopo la morte della moglie si ritrova a provare la vera solitudine. Un giorno l’uomo vede morire un uomo della sua età e quest’episodio sconvolge l’esistenza stessa, come una rivelazione: Cesare sapeva che alla sua età si può morire, ma vederlo davanti agli occhi è un’altra cosa. Da questa consapevolezza nasce una decisione imprevedibile: quella di smettere per sempre di lavorare, per potersi godere la vita prima che sia troppo tardi. Ma per lui è già troppo tardi. I giorni di vacanza di Cesare sono soltanto un’inutile rincorsa della giovinezza; ogni strada intrapresa si rivela un vicolo cieco, ogni speranza, una delusione. Egli è rimasto irrimediabilmente indietro dì qualche decennio. Perfino il modo di divertirsi della società che lo circonda non gli appartiene più. E per tutte queste ragioni che Cesare, arrendendosi alla logica di chi gli sta intorno, ritorna a lavorare. La breve vacanza è servita solo per aprire gli occhi e per spegnere, uno dopo l’altro, tutti i suoi sogni.

Torna alla pagina precedente

la Biennale di Venezia © 2006   tutti i contenuti sono coperti da copyright