ASAC Dati

la Biennale di Venezia: Archivio Storico delle Arti Contemporanee

home > Attività e manifestazioni > Cinema > Ricerca avanzata film
 

VIVERE IN PACE

Partecipazioni

La Resistenza nel Cinema Italiano
31. Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica (1970)


Titolo BiennaleVIVERE IN PACE
Tit. distrib. ital.VIVERE IN PACE
Anno1947
RegiaLuigi Zampa
SceneggiaturaLuigi Zampa, Suso Cecchi d'Amico, Piero Tellini
SoggettoPiero Tellini, Suso Cecchi d'Amico, Luigi Zampa
FotografiaCarlo Montuori, Mario Montuori
MusicaNino Rota
InterpretiAldo Fabrizi, John Kitzmiller, Ave Ninchi, Ernesto Almirante, Aldo Silvani, Gar Moore
NazionalitàItalia
Dati tecniciLungometraggio, Bianco e Nero, 90 minuti
ProduzioneLux Film

Sinossi: In un villaggio dell'Umbria, un contadino benestante pacifico e patriarcale, zio Tigna, vive col vecchio genitore, la moglie, un nipotino e una nipotina. Nel Vullaggio non si sa quasi niente della guerra, un giorno però i due ragazzi trovano nel bosco due soldati ameicani, un bianco e un negro, fuggiti da un campo di prigionia tedesco. I soldati vengono accolti nella casa di zio Tigna. Una sera, mentre tutti sono a cena, bussa alla porta un soldato tedesco, è l'unico soldato che si trovi nel villaggio in qualità di telefonista. I soldati americani si nascondono mentre al tedesco si offre da bere; egli è latore di un questionario del comando. Il tedesco tanto beve che si ubriaca; altrettanto fa il negro, chiuso in cantina. I due soldati, il tedesco e il negro americano, nell'ebrezza, si incontrano faccia a faccia e fraternizzano; credono che la guerra sia finita e la stessa cosa la fanno credere a tutto il villaggio. L'illusione perà dura poco. Il giorno dopo gli abitanti del paese fuggono via per sottrarsi al sopraggiungere di un gruppo di tedeschi. Restano sui monti. Zio Tigna però ritorna nel villaggio troppo presto e cade vittima dei nazisti sacrificando inconsapevolmente e quasi scherzando la sua esistenza per soccorrere il prossimo. I tedeschi, incalzati dal sopraggiungere degli americani, fuggono via. Solo più tardi, quando la guerra sarà finita, i superstiti potranno vivere in pace.

Torna alla pagina precedente

la Biennale di Venezia © 2006   tutti i contenuti sono coperti da copyright