ASAC Dati

la Biennale di Venezia: Archivio Storico delle Arti Contemporanee

home > Attività e manifestazioni > Cinema > Ricerca avanzata film
 

I MOSTRI

Partecipazioni

Retrospettiva - Questi fantasmi: Cinema italiano ritrovato (1946-1975)
65. Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica (2008)

Il Cinema nel Giardino
72. Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica (2015)

Venezia Classici
72. Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica (2015)

Documenti ASAC

Foto


Titolo BiennaleI MOSTRI
Tit. distrib. ital.I MOSTRI
Anno1963
RegiaDino Risi
SceneggiaturaAgenore Incrocci, Furio Scarpelli, Elio Petri, Dino Risi, Ettore Scola, Ruggero Maccari
FotografiaAlfio Contini
MusicaArmando Trovajoli
InterpretiUgo Tognazzi, Vittorio Gassman, Ricky Tognazzi, Franco Castellani, Lando Buzzanca, Maria Mannelli, Marisa Merlini, Michèle Mercier
NazionalitàItalia
LinguaItaliano
Dati tecniciLungometraggio, Colore, 115 minuti
MontaggioMaurizio Lucidi
ScenografiaUgo Pericoli
ProduzioneFair Film, Incei Film, MontFlour Film, Dicifrance
DistribuzioneIncei Film, Titanus

Sinossi: Scandito da un ritmo perfetto e da un’incisività feroce e fulminante, I mostri è un affresco dell’italianità nelle sue declinazioni di furbizia criminaloide, ipocrisia, cinismo, untuosità, opportunismo, sfruttamento e inganno sistematico del prossimo. I vizi capitali di un’umanità ingorda di benessere (siamo negli anni del boom) sono descritti senza indulgenze né compiacimento, con la misura perfetta di un umorismo nero e amaro. Ugo Tognazzi e Vittorio Gassman, ora vittime ora carnefici, sono straordinari sia nell’istrionismo che nelle sfumature con cui cesellano i personaggi. Fra gli episodi più memorabili, La nobile arte, con Gassman pugile suonato e Tognazzi scimmiesco manager-avvoltoio, L’oppio dei popoli, sugli effetti già devastanti della televisione, La giornata dell’onorevole, dove Tognazzi, ministro democristiano, riesce a neutralizzare un vecchio galantuomo venuto a denunciare un malaffare, con una strategia di estenuanti e kafkiane anticamere.

Torna alla pagina precedente

la Biennale di Venezia © 2006   tutti i contenuti sono coperti da copyright