ASAC Dati

la Biennale di Venezia: Archivio Storico delle Arti Contemporanee

home > Attività e manifestazioni > Cinema > Ricerca avanzata film
 

CACCIA TRAGICA

Premio della Presidenza del Consiglio dei Ministri al miglior film italiano (1947)

Partecipazioni

Italia
8. Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica (1947)

Retrospettiva - Cinquant'anni di cinema a Venezia
Mostra Internazionale del Cinema (1982)

Eventi Speciali - Omaggio a Giuseppe De Santis
54. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica (1997)

Venezia cinquant'anni fa - la Mostra del Cinema del '47
54. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica (1997)

Supporti:

CACCIA TRAGICA

CACCIA TRAGICA

Documenti ASAC

Foto


Titolo BiennaleCACCIA TRAGICA
Tit. distrib. ital.CACCIA TRAGICA
Anno1947
RegiaGiuseppe De Santis
SceneggiaturaMichelangelo Antonioni, Umberto Barbaro, Giuseppe De Santis, Carlo Lizzani, Gianni Puccini
SoggettoGiuseppe De Santis, Carlo Lizzani, Lamberto Rem-Picci
FotografiaOtello Martelli
MusicaGiuseppe Rosati
InterpretiVivi Gioi, Andrea Checchi, Carla Del Poggio, Massimo Girotti, Vittorio Duse, Checco Rissone
NazionalitàItalia
LinguaItaliano
Dati tecniciLungometraggio, Bianco e Nero, 90 minuti
MontaggioMario Serandrei
ScenografiaCarlo Egidi
CostumiAnna Gobbi
ProduzioneA.N.P.I., Dante Film
DistribuzioneLibertas Film

Sinossi: In una zona della Romagna, pochi mesi dopo la liberazione, un camioncino sul quale viaggiano Michele e Giovanna, appena sposati, e il ragioniere di una cooperativa agricola incaricato di portare alla sede della cooperativa alcuni milioni, viene assalito da un gruppo di banditi che uccidono l'autista e il ragioniere, rubano il denaro e portano via come ostaggio Giovanna. Michele riconosce in uno dei banditi Alberto, suo ex compagno di prigionia, e la sua amante Daniela, una ex collaborazionista. Scoperto il fatto, i contadini della cooperativa si uniscono insieme ai carabinieri per dare la caccia ai malfattori. Questi tentano invano di sottrarsi e dopo varie vicende Daniela, Alberto e Giovanna, loro prigioniera, si rifugiano in un edificio, già sede di un comando tedesco, dove vengono assediati. Il terreno intorno è stato accerchiato dai tedeschi e Daniela vorrebbe valersi di un congegno lasciato da loro per far esplodere le mine eliminando così gli assedianti: per impedirglielo Alberto la uccide. Catturato Alberto, i membri della cooperativa si riuniscono per giudicarlo. Prevalgono alla fine le parole rasserenatrici di Michele, il quale convince gli animi al perdono.

Torna alla pagina precedente

la Biennale di Venezia © 2006   tutti i contenuti sono coperti da copyright