ASAC Dati

la Biennale di Venezia: Archivio Storico delle Arti Contemporanee

home > Attività e manifestazioni > Cinema > Ricerca avanzata film
 

MEDICI CON L'AFRICA

Partecipazioni

Fuori Concorso - Proiezioni Speciali
69. Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica (2012)


Titolo BiennaleMEDICI CON L'AFRICA
Anno2012
RegiaCarlo Mazzacurati
SceneggiaturaCarlo Mazzacurati, Claudio Piersanti
FotografiaLuca Bigazzi
MusicaEnrico Carrapatoso
NazionalitàItalia
LinguaItaliano, Portoghese
Dati tecniciLungometraggio, Colore, 89 minuti, DCP
MontaggioPaolo Cottignola
ProduzioneArgonauti sas
Distribuzione internazionaleArgonauti sas
Distribuzione italianaArgonauti sas

Sinossi: Il film inizia nella sede storica di Medici con l’Africa Cuamm (Collegio universitario aspiranti e medici missionari), nel centro di Padova. Don Dante Carraro è un sacerdote. È anche cardiologo, e da quattro anni è il direttore del Cuamm. Insieme a lui un altro sacerdote, più anziano: don Luigi Mazzucato, direttore dal 1955 al 2008, e per niente pensionato. Don Dante spiega perché hanno deciso di chiamarsi Medici CON l’Africa. Perché da sempre, agiscono insieme alle istituzioni sanitarie africane. Il loro compito è duplice: gestire strutture sanitarie disperse nell’immenso territorio sub-sahariano, ma soprattutto, creare percorsi di crescita, anche a livello universitario, in grado di formare sul campo nuove generazioni di medici africani. Un lavoro enorme, che il documentario presenta con un asciutto reportage girato in Africa, lasciando la parola a medici e pazienti, ad adulti e bambini. Numerosi medici raccontano le loro esperienze, i loro entusiasmi e i loro fallimenti. Incontriamo anche alcuni giovani africani che si sono formati nelle aule della facoltà di medicina supportata dal Cuamm. Uno di loro, vicino alla laurea in Medicina, è cresciuto in un orfanotrofio gestito da una straordinaria suora africana, “madre” di centinaia di bambini abbandonati al loro destino.

Torna alla pagina precedente

la Biennale di Venezia © 2006   tutti i contenuti sono coperti da copyright