ASAC Dati

la Biennale di Venezia: Archivio Storico delle Arti Contemporanee

home > Attività e manifestazioni > Cinema > Ricerca avanzata film
 

DAI NOSTRI INVIATI - LA RAI E L'ISTITUTO LUCE RACCONTANO LA MOSTRA DEL CINEMA DI VENEZIA 1932-1953

Partecipazioni

Venezia Classici - Documentari
69. Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica (2012)

Supporti:

DAI NOSTRI INVIATI - LA RAI E L'ISTITUTO LUCE RACCONTANO LA MOSTRA DEL CINEMA DI VENEZIA 1932-1953 (2012)


Titolo BiennaleDAI NOSTRI INVIATI - LA RAI E L'ISTITUTO LUCE RACCONTANO LA MOSTRA DEL CINEMA DI VENEZIA 1932-1953
Anno2012
RegiaGiuseppe Giannotti, Enrico Salvatori, Davide Savelli
MusicaAngelo Talocci
NazionalitàItalia
LinguaItaliano
Dati tecniciLungometraggio, Bianco e Nero, 52 minuti, DCP
MontaggioPatrizia Penzo
ProduzioneRAI Educational, Istituto Luce Cinecittà

Sinossi: Venezia Lido, 6 agosto 1932, ore 21 e 15: si accende un proiettore sulla terrazza a mare del Grand Hotel Excelsior. Un pubblico elegante e facoltoso assiste alla nascita dell’Esposizione Internazionale d’Arte Cinematografi ca. È il risultato dell’incontro di tre personalità: Giuseppe Volpi di Misurata, presidente della Biennale e figura di primo piano dell’industria italiana, Antonio Maraini, segretario della Biennale e uomo d’arte, Luciano De Feo, presidente dell’Istituto Internazionale per la Cinematografia Educativa, che riesce a portare al Lido majors americane e cinematografie europee. Il progetto Dai nostri inviati giunge al terzo anno con un prequel, che intende raccontare i primi ventuno anni della Mostra, dal 1932 al 1953. Attraverso una selezione dagli archivi Luce e Rai, il documentario passa in rassegna la vicende storiche della Mostra: la nascita “internazionale”, le influenze del regime fascista dopo la proclamazione dell’impero, lo scoppio della seconda guerra mondiale, proprio il giorno della chiusura dell’edizione del 1939, le tre mostre di guerra, Venezia “cinecittà” della Repubblica di Salò, il ritorno della pace e della democrazia con il rilancio nel ‘46, fino al clamoroso ex-aequo di sei Leoni d’argento alla quattordicesima Mostra del ‘53.

Torna alla pagina precedente

la Biennale di Venezia © 2006   tutti i contenuti sono coperti da copyright