ASAC Dati

la Biennale di Venezia: Archivio Storico delle Arti Contemporanee

home > Attività e manifestazioni > Cinema > Ricerca avanzata film
 

SANGUE DEL MIO SANGUE

Partecipazioni

Venezia 72. - Concorso
72. Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica (2015)

Supporti:

SANGUE DEL MIO SANGUE (2015)

Documenti ASAC

Foto


Titolo BiennaleSANGUE DEL MIO SANGUE
Tit. distrib. ital.SANGUE DEL MIO SANGUE
Anno2015
RegiaMarco Bellocchio
SceneggiaturaMarco Bellocchio
FotografiaDaniele Ciprì
MusicaCarlo Crivelli
InterpretiRoberto Herlitzka, Pier Giorgio Bellocchio, Lidiya Liberman, Fausto Russo Alesi, Alba Rohrwacher, Federica Fracassi, Filippo Timi
NazionalitàFrancia, Italia, Svizzera
LinguaItaliano
Dati tecniciLungometraggio, Colore, 106 minuti, DCP
MontaggioFrancesca Calvelli, Claudio Misantoni
ScenografiaAndrea Castorina
CostumiDaria Calvelli
ProduzioneKavac Film
CoproduzioneIBC Movie
Distribuzione internazionaleThe Match Factory
Distribuzione italiana01 Distribution

Sinossi: Federico, giovane uomo d’armi, viene spinto dalla madre a recarsi nella prigione-convento di Bobbio dove suor Benedetta è accusata di stregoneria per aver sedotto Fabrizio, fratello gemello di Federico, e averlo indotto a tradire la sua missione sacerdotale. La madre preme affinché Federico riabiliti la memoria del gemello, ma anche lui viene incantato da Benedetta che sarà condannata alla prigione perpetua e murata viva. Ma Federico, trent’anni dopo, diventato cardinale, incontrerà nuovamente Benedetta, ancora rinchiusa tra quelle mura... Ai giorni nostri, a quel portone del convento trasformato poi in prigione e apparentemente abbandonato, bussa Federico Mai, sedicente ispettore del Ministero, accompagnato da Rikalkov, un miliardario russo, che lo vorrebbe acquistare. In realtà quel luogo è ancora abitato da un misterioso “Conte” che occupa abusivamente alcune celle dell’antica prigione e che si aggira in città solo di notte... La presenza dei due forestieri mette in agitazione l’intera comunità di Bobbio, che sotto la guida del “Conte” tenta di vivere grazie a frodi e sotterfugi, ostacolando in ogni modo la modernità che avanza inesorabilmente. Ma il nuovo è migliore del vecchio?

Torna alla pagina precedente

la Biennale di Venezia © 2006   tutti i contenuti sono coperti da copyright