ASAC Dati

la Biennale di Venezia: Archivio Storico delle Arti Contemporanee

home > Attività e manifestazioni > Cinema > Ricerca avanzata film
 

LA VOCE DI FANTOZZI

Partecipazioni

Venezia Classici - Documentari
74. Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica (2017)


Titolo BiennaleLA VOCE DI FANTOZZI
Tit. distrib. ital.LA VOCE DI FANTOZZI
Anno2017
RegiaMario Sesti
SceneggiaturaMario Sesti
FotografiaGianluca Mastronardi
MusicaMassimo Mescia, Federico Badaloni
InterpretiRenzo Arbore, Lino Banfi, Roberto Benigni, Gianni Canova, Antonino Cannavacciuolo, Maurizio Costanzo, Domenico De Masi, Rosario Fiorello, Dario Fo, Anna Foglietta, Michele Mirabella, Paolo Paoloni, Neri Parenti, Clemente Ukmar, Paolo Villaggio, Milena Vukotic
NazionalitàItalia
LinguaItaliano
Dati tecniciLungometraggio, Colore, 78 minuti, DCP
MontaggioTommaso Sesti
ProduzioneVolume

Sinossi: I suoi personaggi (dal Megadirettore alla Signora Pina), i suoi luoghi (la Regione Lazio dove è ambientato il suo ufficio), i suoi compagni di strada (da Antonio Ricci a Renzo Arbore, da Lino Banfi al produttore Bruno Altissimi, da Maurizio Costanzo a Michele Mirabella), ma anche intellettuali (da Domenico De Masi a Christian Raimo, da Marco Travaglio a Dario Fo) e star (da Roberto Benigni a Maurizio Battista a Fiorello), perfino la sua auto (la Bianchina) rievocano storia, disavventure, successo mostruoso ed esplosiva originalità del ragionier Ugo Fantozzi e del suo creatore, che per questo film ha scritto dialoghi, accompagnato la produzione e concesso una ultima, memorabile apparizione/ intervista (illuminata, per l’occasione, da Luca Bigazzi). Questa ultima, tragica, avventura di Fantozzi è raccontata anche da giovani artisti (come il videomaker Gianluca Abbate, i disegnatori Annalisa Corsi e Francesco Schietroma) che hanno ricreato la sua immagine e rimesso in scena alcune sue celebri scene, dai musicisti e sound designer Stefano Di Battista, Federico Badaloni e Jacopo Sinigaglia (che hanno reinventato i suoni dei suoi film) e dal cantante folk Wrongonyou.

Torna alla pagina precedente

la Biennale di Venezia © 2006   tutti i contenuti sono coperti da copyright