ASAC Dati

la Biennale di Venezia: Archivio Storico delle Arti Contemporanee

home > Attività e manifestazioni > Cinema > Ricerca avanzata film
 

A TRAMWAY IN JERUSALEM

Partecipazioni

Fuori Concorso - Fiction
75. Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica (2018)

Documenti ASAC

Foto


TraduzioneUN TRAM A GERUSALEMME
Titolo BiennaleA TRAMWAY IN JERUSALEM
Anno2018
RegiaAmos Gitai
SceneggiaturaAmos Gitai, Marie-Jose Sanselme
FotografiaEric Gautier
MusicaLouis Sclavis, Alex Claude
InterpretiAchinoam Nini, Mathieu Amalric, Hana Laslo, Yaël Abecassis, Pippo Delbono, Yuval Scharf, Keren Mor, Lamis Ammar, Mustafa Mazi, Maisa Abd Elhadi
NazionalitàFrancia, Israele
LinguaArabo, Tedesco, Francese, Ebraico, Italiano, Ladino, Yiddish
Dati tecniciLungometraggio, Colore, 90 minuti, DCP
MontaggioYuval Orr
ScenografiaMaria Volfman, Yaron Ravid
CostumiRona Doron
ProduzioneAgav Films, CDP
Distribuzione internazionaleOrange Studio

Sinossi: A Tramway in Jerusalem è una sitcom che mescola storie e situazioni umane nel contesto della società israelo-palestinese del 2018. A Gerusalemme, il tram collega diversi quartieri, da est a ovest, registrandone varietà e differenze. Il film raccoglie un mosaico di esseri umani di questa città che è anche il centro spirituale delle tre grandi religioni monoteiste, ebraismo, cristianesimo e islam. Osserviamo la vita quotidiana di questo paesaggio umano, una serie di incontri che avvengono sulla linea rossa della tramvia, dai quartieri palestinesi di Shuafat e Beit Hanina di Gerusalemme est fino a Mount Herzl a Gerusalemme ovest. Questa commedia a tema ispeziona con humor situazioni brevi e momenti della vita quotidiana di alcuni passeggeri. Per noi – il cineasta, il visitatore durante il viaggio – la realtà umana di Gerusalemme è una giustapposizione di frammenti di vita, di conflitti e di riconciliazione che nel film si rendono visibili. Come se volessimo proiettare la vita quotidiana e la sua inerzia contro la demagogia che mira a distillare l’odio. Speriamo per il meglio.

Torna alla pagina precedente

la Biennale di Venezia © 2006   tutti i contenuti sono coperti da copyright