ASAC Dati

la Biennale di Venezia: Archivio Storico delle Arti Contemporanee

home > Attività e manifestazioni > Cinema > Ricerca avanzata film
 

FRIEDKIN UNCUT

Partecipazioni

Venezia Classici - Documentari
75. Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica (2018)


Titolo BiennaleFRIEDKIN UNCUT
Anno2018
RegiaFrancesco Zippel
SceneggiaturaFrancesco Zippel
FotografiaCarlo Alberto Orecchia, Giuliano Graziani, Dado Carillo, Marco Tomaselli, Powell Robinson
MusicaCostanza Francavilla
InterpretiWilliam Friedkin, Ellen Burstyn, Gina Gershon, Juno Temple, Wes Anderson, Dario Argento, Samuel Blumenfeld, Damien Chazelle
NazionalitàItalia
LinguaInglese, Italiano
Dati tecniciLungometraggio, Colore, 106 minuti, DCP, Giorgia Capoccia
MontaggioMariaromana Casiraghi
ProduzioneQuoiat Films Srl
Distribuzione internazionaleDoc & Film International

Sinossi: Friedkin Uncut offre una visione introspettiva nella vita e nel percorso artistico di William Friedkin, regista straordinario e anticonformista di film di culto come The French Connection (Il braccio violento della legge), The Exorcist (L’esorcista), Sorcerer (Il salario della paura), Cruising e To Live and Die in L.A. (Vivere e Morire a Los Angeles). Per la prima volta Friedkin si mette in gioco intimamente e decide di guidare il pubblico in un affascinante viaggio attraverso i temi e le storie che maggiormente hanno influenzato la sua vita e il suo percorso artistico. Il titolo del documentario riflette al tempo stesso la schiettezza e l’eccentricità di Friedkin, elementi che hanno contribuito nel tempo a caratterizzarne l’eccezionale abilità di storyteller. Ma Friedkin non è solo in questa lunga e appassionata narrazione. Un cast “stellare” di amici e collaboratori ha deciso di partecipare a questo film che da semplice omaggio si trasforma con il passare dei minuti in un vero e proprio saggio in cui grandi registi, straordinari attori e perfino celebrati direttori d’orchestra si uniscono a Friedkin per riflettere sul significato dell’essere artisti e sulla bellezza del mettersi in discussione in nome di una “vocazione” vissuta nella dimensione autentica di un lavoro. Un lavoro da eseguire al meglio del proprio talento.

Torna alla pagina precedente

la Biennale di Venezia © 2006   tutti i contenuti sono coperti da copyright