ASAC Dati

la Biennale di Venezia: Archivio Storico delle Arti Contemporanee

home > Attività e manifestazioni > Cinema > Ricerca avanzata film
 

ROMEO AND JULIET

Gran premio Leone d'oro di San Marco (1954)

Partecipazioni

Gran Bretagna
15. Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica (1954)


Titolo BiennaleROMEO AND JULIET
Tit. distrib. ital.GIULIETTA E ROMEO
Anno1954
RegiaRenato Castellani
SceneggiaturaRenato Castellani
SoggettoWilliam Shakespeare
FotografiaRobert Krasker
MusicaRoman Vlad
InterpretiLaurence Harvey, Susan Shentall, Flora Robson, Norman Wooland, Mervyn Johns, John Gielgud
NazionalitàGran Bretagna
LinguaItaliano
Dati tecniciLungometraggio, Colore, 138 minuti, 35 mm
MontaggioSidney Hayers
ScenografiaGastone Simonetti
CostumiLeonor Fini
ProduzioneUniversalcine - Verona

Sinossi: Un odio mortale divide da tempo i Montecchi ed i Capuleti. Violenti e continui sono gli alterchi nelle strade e più volte gli uomini scendon a vie di fatto. Di tale stato di cose, il Principe di Verona è costretto a minacciare di morte i capi delle due famiglie nemiche, se la pace non verrà subito ristabilita. Gli unici ad amarsi sono Romeo Montecchi e la bella figlia dei Capuleti, Giulietta: dimentichi dell'odio e delle rivalità, i due si uniscono segretamente in matrimonio. Ma un giorno, il più giovane dei Capuleti, Tebaldo, insulta Romeo per strada. Questi per amore di Giulietta rifiuta di cimentarsi con lui ma alla fine vi è costretto e, in un drammatico duello, lo uccide. Il Principe di Verona punisce Romeo con l'esilio. Giulietta convince allora Frate Lorenzo a prepararle un sonnifero che dia al suo volto l'apparenza della morte. Egli dovrà inoltre consegnare a Romeo una missiva affinchè questi sia messo al corrente del piano e possa liberarla. In tale modo l'infelice fanciulla spera di riunirsi al suo diletto sposo, ma il piano fallisce. La lettera non perviene al destinatario e Romeo, appreso da altra fonte che Giulietta è morta, ritorna a Verona per rivedere un'ultima volta il volto dell'amata. Accanto al feretro egli si toglie la vita e più tardi, sopraffatta dal dolore, anche Giulietta lo seguirà nella morte.

Torna alla pagina precedente

la Biennale di Venezia © 2006   tutti i contenuti sono coperti da copyright