ASAC Dati

la Biennale di Venezia: Archivio Storico delle Arti Contemporanee

home > Attività e manifestazioni > Cinema > Ricerca avanzata film
 

À NOUS LA LIBERTÉ

Film più divertente (1932)

Partecipazioni

Francia
1. Esposizione Internazionale d'Arte Cinematografica (1932)

Omaggio a René Clair
12. Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica (1951)

Retrospettiva dedicata ai migliori film presentati a Venezia nel periodo 1932-1939
20. Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica (1959)

Retrospettiva - Cinquant'anni di cinema a Venezia
Mostra Internazionale del Cinema (1982)

Venezia Ieri - Retrospettiva René Clair
40. Mostra Internazionale del Cinema (1983)

Venezia 1932 Il Cinema diventa Arte
49. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica (1992)

Supporti:

A ME LA LIBERTA'

A ME LA LIBERTA'

A ME LA LIBERTA'

A ME LA LIBERTA'

Documenti ASAC

Foto


TraduzioneA NOI LA LIBERTÀ
Titolo BiennaleÀ NOUS LA LIBERTÉ
Tit. distrib. ital.A ME LA LIBERTÀ
Anno1931
RegiaRené Clair
SceneggiaturaRené Clair
SoggettoRené Clair
FotografiaGeorges Périnal, Georges Raulet
MusicaGeorges Auric
Aiuto regiaAlbert Valentin
InterpretiRolla France, Germaine Aussey, Marguerite de Morlaye, Raymond Cordy, Henri Marchand, Paul Ollivier, André Michaud, Léon Lorin, William Burke, Jacques Shelly
NazionalitàFrancia
LinguaFrancese
Dati tecniciLungometraggio, Bianco e Nero, 104 minuti
MontaggioRené Le Hénaff
ScenografiaLazare Meerson
CostumiRené Hubert
ProduzioneSociété des Films Sonores Tobis

Sinossi: La storia inizia in un carcere, dove i detenuti costruiscono in serie cavallucci di legno. Due di questi, Louis ed Emile, tentano la fuga, ma solo il primo vi riesce, grazie anche al sacrificio dell’altro. Louis diventa proprietario di negozi sempre più lussuosi e finalmente di una fabbrica di fonografi, mentre, alla fine del suo periodo di detenzione, Emile si gode la libertà nei campi. Una felicità breve, purtroppo, perché ben presto Emile, nuovamente inseguito dalla polizia, dovrà nascondersi fra gli operai e senza avvedersene si troverà assunto nella fabbrica di Louis, dove la rigida e meccanica organizzazione del lavoro, catene di montaggio, immobilità, disciplina, tutto ricorda il carcere da cui è appena uscito. Presto i due compagni si incontrano: Louis cerca di aiutare Emile nella conquista di una ragazza conosciuta in fabbrica, ma inutilmente; e del resto lo stesso Louis ha i suoi problemi: è insoddisfatto e ricattato da alcuni ex compagni di carcere che lo hanno riconosciuto. Così nel corso di una celebrazione per l'inaugurazione di un nuovo reparto interamente automatizzato, mentre una valigia piena di denaro deposta sul tetto si apre e le mille banconote si sparpagliano al vento inseguite da tutti gli astanti, i due compagni se ne scappano di nuovo insieme.

Torna alla pagina precedente

la Biennale di Venezia © 2006   tutti i contenuti sono coperti da copyright