ASAC Dati

la Biennale di Venezia: Archivio Storico delle Arti Contemporanee

home > Attività e manifestazioni > Cinema > Ricerca avanzata film
 

GIRO DI LUNE TRA TERRA E MARE

Partecipazioni

Venezia 54 Concorso
54. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica (1997)


Titolo BiennaleGIRO DI LUNE TRA TERRA E MARE
Tit. distrib. ital.GIRO DI LUNE TRA TERRA E MARE
Anno1997
RegiaGiuseppe Mario Gaudino
SceneggiaturaGiuseppe Mario Gaudino, Isabella Sandri, Heidrun Schleef
SoggettoGiuseppe Mario Gaudino
FotografiaTarek Ben Abdallah
Aiuto regiaRosa Russo
InterpretiOlimpia Carlisi, Tina Femiano, Salvatore Grasso, Aldo Bufi Landi, Vincenza Modica, Antonio Pennarella, Luciano Zazzera, Antonella Romano, Roberta Spagnuolo, Antonella Stefanucci, Sebastiano Colla, Lucio De Cicco, Livio Cirillo, Angelica Ippolito
NazionalitàItalia
LinguaItaliano, Latino, Napoletano
Dati tecniciLungometraggio, Colore, 125 minuti, 35 mm
MontaggioGiuseppe M. Gaudino, con la supervisione di Roberto Perpignani
ScenografiaAlessandro Marrazzo
CostumiPaola Marchesin
ProduzioneGaundri Film, ZDF
DistribuzioneIstituto Luce

Sinossi: La storia della città di Pozzuoli, al centro dei Campi Flegrei, sul golfo in cui si affacciano anche Baia e Miseno, in un arco di tempo che va dal 538 a.C. al 1984. Non c'è separazione tra i tempi, tra le date storiche che si alternano non per progressione, ma per digressione. Le immagini più antiche si concentrano sul dramma dell'uccisione di Agrippina per mano del figlio Nerone, sul folle intreccio di oracoli della Sibilla Cumana, sulla presenza inquieta del giovane martire Artema, ucciso per intolleranza dai suoi compagni di scuola, sul sofferto vagabondare di Maria la Pazza, eroina guerriera che salvò la città. Al passato si sovrappongono gli eventi di una storia più vicina. Siamo nei primi anni settanta e nel golfo, ciclicamente, si acutizzano i fenomeni di bradisismo. Una fase di frattura nella convivenza tra l'uomo e la sua terra. I Gioia, una famiglia di pescatori, sono costretti ad abbandonare la loro casa, erosa dal lento terremoto. La casa, il suo abbandono, gli esodi ripetuti e il nuovo insediamento là dove si ricostruisce la città sono le tappe emblematiche della vicenda di questa famiglia che cerca di ricostruire la propria vita.

Torna alla pagina precedente

la Biennale di Venezia © 2006   tutti i contenuti sono coperti da copyright