ASAC Dati

la Biennale di Venezia: Archivio Storico delle Arti Contemporanee

home > Attività e manifestazioni > Cinema > Ricerca avanzata film
 

SANTO STEFANO

Partecipazioni

Eventi Speciali - Immagini fra cronaca e storia
54. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica (1997)


Titolo BiennaleSANTO STEFANO
Anno1997
RegiaAngelo Pasquini
SceneggiaturaAngelo Pasquini
SoggettoAngelo Pasquini
FotografiaGiuseppe Lanci
MusicaNicola Piovani
Aiuto regiaAngelo Vicari
InterpretiClaudio Amendola, Claudio Bigagli, Laura Morante, Andrea De Rosa, Antonio Petrocelli
NazionalitàItalia
LinguaItaliano
Dati tecniciLungometraggio, Colore, 87 minuti, 35 mm
MontaggioSergio Nuti
ScenografiaGianni Giovagnoni
CostumiLia Morandini
ProduzioneAlia Film
DistribuzioneCDI - Buena Vista International Italia
NoteIl film è stato sostenuto dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri - Dipartimento dello Spettacolo e il sostegno dell'European Script Found, iniziativa del programma MEDIA della CE.

Sinossi: È il 1959, nel penitenziario dell'isola di Santo Stefano, il direttore Bruno D'Assisi si impegna attivamente, coinvolgendo anche i secondini, in un processo di riforma che vede al primo posto il rispetto della dignità dei reclusi. Crea una comunità carceraria solidale e al contempo lotta contro le istituzioni per l'abolizione dell'ergastolo. Antonio, figlio dodicenne del direttore, viene affidato a Nicola, un ergastolano che, conquistata la fiducia di D'Assisi, segue gli studi del bambino e si occupa delle sue necessità, insegnandoli una versione speciale dei Dieci Comandamenti, il primo dei quali è "non fare la spia". L'anno seguente con l'avvento del governo Tambroni, D'Assisi è un personaggio scomodo, la riforma è stroncata e, contro di lui, imposta una campagna scandalistica. Mentre D'Assisi è lontano dall'isola, le guardie vengono sostituite e i vecchi regolamenti riapplicati. Al suo ritorno egli trova un clima di sfiducia e ribellione arginati da una feroce repressione. Nicola, preso di mira, evade e Antonio, memore dei comandamenti, non svela il suo nascondiglio.

Torna alla pagina precedente

la Biennale di Venezia © 2006   tutti i contenuti sono coperti da copyright