ASAC Dati

la Biennale di Venezia: Archivio Storico delle Arti Contemporanee

home > Attività e manifestazioni > Cinema > Ricerca avanzata film
 

LES AMANTS

Premio Speciale della Giuria (ex aequo) a Louis Malle (1958)

Partecipazioni

19. Mostra Internazionale del Film a Soggetto
19. Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica (1958)

Supporti:

AMANTS (LES)

AMANTS (LES)

Documenti ASAC

Foto
Pellicola in archivio
Sequenza dal film (1,17 MB, formato WMV)


TraduzioneGLI AMANTI
Titolo BiennaleLES AMANTS
Tit. distrib. ital.GLI AMANTI
Anno1958
RegiaLouis Malle
SceneggiaturaLouis Malle, Louise de Vilmorin
SoggettoLouis Malle, Louise de Vilmorin
FotografiaHenri Decaë
InterpretiJeanne Moreau, Alain Cuny, José Luis de Villalonga, Jean-Marc Bory, Judith Magre
NazionalitàFrancia
LinguaFrancese
Dati tecniciLungometraggio, Bianco e Nero, 90 minuti, 35 mm
MontaggioLéonide Azar
ScenografiaBernard Evein, Jacques Saulnier
ProduzioneNouvelles Editions de Films S.A.

Sinossi: Jeanne è una giovane signora di provincia, sposata ad Henri, uomo autoritario e tutto preso dal suo lavoro. Unica sua distrazione sono le visite all’amica Maggy, la cui vita parigina e mondana la affascina. Jeanne diviene l’amante di Raoul, perfetto "gentleman” della buona società. Ma anche questa relazione la delude, per la superficialità di Raoul e perché Henri continua a mostrarsi indifferente con lei. Jeanne cerca di destare in lui la gelosia, ma il marito la sfida ad invitare i suoi amici parigini nella loro villa. Poiché Jeanne dice di non aver niente da rimproverarsi, egli sarà ben lieto di conoscerli. Rientrando da Parigi, quando Raoul e Maggy sono già nella villa, Jeanne ha un incidente d’auto ed è riaccompagnata a casa da un giovane, singolare tipo di viaggiatore solitario: Bernard Langlois. Henri invita il giovane a fermarsi presso di loro. Durante la cena, Raoul rivela ancora una volta la sua povertà di spirito, mentre Bernard, ironico e caustico, desta in Jeanne un acceso interesse. La notte, Jeanne evita un incontro con Raoul; sola nella sua stanza subisce il fascino della splendida notte. Scende in giardino e vi incontra Bernard. Vinta dall’improvvisa passione, Jeanne conduce poi Bernard nella sua stanza e, dopo una lunga notte d’amore, decide di partire all’alba con lui. Nessuno si accorge della loro fuga, ma quando la macchina sta per allontanarsi e i ricordi della notte cominciano a perdere il loro irripetibile incanto, Jeanne comprende che deve lasciare Bernard. Scenderà alla prima fermata, per tornare a casa e conservare intatta una felicità che non aveva mai conosciuto e che non ritroverà più.

Torna alla pagina precedente

la Biennale di Venezia © 2006   tutti i contenuti sono coperti da copyright