ASAC Dati

la Biennale di Venezia: Archivio Storico delle Arti Contemporanee

home > Attività e manifestazioni > Cinema > Ricerca avanzata film
 

MISTY

Partecipazioni

13. Mostra Internazionale del Film per Ragazzi - Film per adolescenti - Categoria A - Film a soggetto
22. Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica (1961)

Documenti ASAC

Foto


Titolo BiennaleMISTY
Anno1961
RegiaJames B. Clark
SceneggiaturaTed Sherdeman
SoggettoMarguerite Henry
FotografiaLeo Tover, Lee Garmes
MusicaPaul Sawtell, Bert Shefter
InterpretiDavid Ladd, Arthur O'Connell, Pam Smith, Anne Seymour, Duke Farley
NazionalitàStati Uniti D'America
Dati tecniciLungometraggio, Colore, 92 minuti, 35 mm
MontaggioFredric Y. Smith
ScenografiaDuncan Cramer, Maurice Ransford
Produzione20th Century Fox

Sinossi: Il dodicenne Paul e la sua sorellina Maureen vivono con i nonni sull'isola di Chincoteague in seguito alla morte in un incidente dei loro genitori. La nonna ha una fattoria dove alleva e vende i puledri bradi che vivono nell'isola vicina di Assateague. Un giorno i due bambini osservano una mandria di puledri sull'isola e decidono di impadronirsi di una cavalla che è stata soprannominata "il fantasma", in quanto è quasi impossibile prenderla. Per diventare proprietari di un puledro della riserva bisogna acquistarla dal locale dipartimento dei pompieri nel giorno della fiera dei puledri, giorno in cui è permesso recarsi sull'isola a tale scopo. Il ricavato va ad opere di beneficenza. Paul e Maureen risparmiano soldi durante tutta l'estate, facendo piccole incombenze e finalmente riescono a mettere da parte cento dollari per l'acquisto della cavalla. Paul si unisce agli uomini nel gioco della Fiera dei cavalli per assicurarsi la bellissima Phantom che sarà tra i cavalli a Chincoteague. Intanto gli è stato detto che sarà difficile domare la cavalla che è stata in libertà troppo tempo. Mentre gli uomini stanno riunendo la mandria, Paul cerca Phantom. La trova con il suo cavallino, che Paul subito chiama Misty. Paul porta i due cavalli a Chincoteague e lui e Maureen già pensano di diventare proprietari della cavalla e del figlio. Ma passano i mesi e Phantom sembra triste e nostalgica per la sua vita di libertà, anche se Paul è riuscito a domarla abbastanza per poterla cavalcare. Il puledro intanto si sta già affezionando ai nuovi padroncini. Un anno dopo, nel giorno della fiera, Paul dovrebbe cavalcare Phantom nelle gare di corsa. Ma all'ultimo momento, commosso dalla crescente nostalgia della cavalla, decide di lasciare tornare all'isola Phantom e il puledro. Mentre la cavalla sta raggiungendo l'isola a nuoto, il piccolo Misty corre verso Paul e Maureen e l'unica famiglia alla quale si è affezionato.

Torna alla pagina precedente

la Biennale di Venezia © 2006   tutti i contenuti sono coperti da copyright