ASAC Dati

la Biennale di Venezia: Archivio Storico delle Arti Contemporanee

home > Attività e manifestazioni > Cinema > Ricerca avanzata film
 

LE VOYAGE IMAGINAIRE

Partecipazioni

Retrospettiva del Film Francese
14. Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica (1953)

L'avanguardia francese
La Biennale per una cultura democratica e antifascista - Cinema Città Avanguardia 1919-1939 (1974)

Venezia Ieri - Retrospettiva René Clair
40. Mostra Internazionale del Cinema (1983)

Supporti:

VIAGGIO IMMAGINARIO

VIAGGIO IMMAGINARIO


TraduzioneIL VIAGGIO IMMAGINARIO
Titolo BiennaleLE VOYAGE IMAGINAIRE
Tit. distrib. ital.IL VIAGGIO IMMAGINARIO
Anno1925
RegiaRené Clair
SceneggiaturaRené Clair
SoggettoRené Clair
FotografiaJimmy Berliet, Amédée Morrin
Aiuto regiaGeorges Lacombe
InterpretiDolly Davis, Jean Börlin, Albert Préjean, Jim Gérald, Paul Ollivier, Maurice Schutz
NazionalitàFrancia
LinguaFrancese
Dati tecniciLungometraggio, Bianco e Nero, 80 minuti
ScenografiaRobert Gys

Sinossi: Jean è un giovane timido innamorato, che non ha il coraggio di dichiararsi alla sua fanciulla, Lucie, dattilografa nel suo stesso ufficio; mentre lei non aspetta altro che una sua parola per cadere nelle sue braccia. Si confessa solo con alcuni colleghi, che amorevolmente si prendono gioco di lui e un giorno, quando il buon innamorato, sovraffaticato, si addormenta sui suoi registri, strappando una tendina appesa accanto a lui, non trovano di meglio da fare che infilargli al dito un anello di quella stessa tenda. Improvvisamente si rivela il sogno del giovane addormentato, che si vede trasportato nel Paese delle fate: una vecchia indovina che una mattinata gli aveva detto la buona ventura, prevedendo il successo in amore, diventa così una fata benefattrice; mentre l’anello, infilato per gioco al suo dito, diventa un anello magico. Ed ecco che un amico glielo ruba. Dopo un bellissimo inseguimento sui tetti di Nòtre-Dame e una visita al museo Grévin dove ha uno scambio di opinioni con le Statue di cera, Jean riconquista l’anello e si ridesta. Gli basta trovare infilato al suo dito il “magico” anello della tenda, per ricuperare la fiducia in se stesso e con essa la vittoria sulla timidezza.

Torna alla pagina precedente

la Biennale di Venezia © 2006   tutti i contenuti sono coperti da copyright