ASAC Dati

la Biennale di Venezia: Archivio Storico delle Arti Contemporanee

home > Attività e manifestazioni > Cinema > Ricerca avanzata film
 

THE NIGHT AND THE MOMENT

Partecipazioni

Notti Veneziane
51. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica (1994)


Titolo BiennaleTHE NIGHT AND THE MOMENT
Tit. distrib. ital.LA NOTTE E IL MOMENTO
Anno1994
RegiaAnna Maria Tatò
SceneggiaturaAnna Maria Tatò, Jean-Claude Carrière
SoggettoClaude-Prosper de Jolyot Crebillon
FotografiaGiuseppe Rotunno
MusicaEnnio Morricone
InterpretiWillem Dafoe, Lena Olin, Miranda (I) Richardson, Jean-Claude Carrière, Carole Richert, Christine Sireyzol, Guy Verame, Ivan Bacciocchi
NazionalitàFrancia, Italia
Dati tecniciLungometraggio, Colore, 90 minuti, 35 mm
MontaggioRuggero Mastroianni
CostumiGabriella Pescucci
ProduzioneArthur Pictures, Societé Française de production, Cecchi Gori Group Tiger Cinematografica (Roma)
DistribuzioneMCEG Sterling
Distribuzione italianaCecchi Gori Group Tiger Cinematografica (Roma)

Sinossi: Una nobildonna francese del XVIII secolo, la marchesa, ospita nel proprio castello un gruppo di amici. Fra questi è un giovane scrittore, celebre per e avventure galanti e gli scritti libertini, che gli sono valsi qualche giorno in prigione. Mentre gli invitati si ritirano per la notte e un furtivo viavai segnala l’inizio di segreti piaceri, lo scrittore si presenta in camera dell’avvenente marchesa, con indosso la sola vestaglia di raso e forte delle proprie sperimentate arti di seduzione. La marchesa protesta il suo sdegno e si schermisce, ma accetta la sfida, che ha lungamente atteso. I due trascorrono la notte in un sottile duello amoroso dove le parole sono le armi del desiderio, della sensualità, dell’erotismo. Per giungere al momento tanto atteso lui è pronto a tutto: mentire, confessare, ingannare, divertire, supplicare, minacciare … Ma lei è donna di mondo e conosce a memoria le lusinghe e le trappole del libertino. Più sottile e discreta, la sua trama è tessuta con pazienza e abilità. Tra racconti di conquiste galanti e imprese libertine, che accendono la fantasia e scaldano gli animi, tra l’impazienza degli assalti focosi di lui e la malizia delle distratte concessioni di lei, lo scrittore e la bella marchesa rivaleggiano in spirito e licenziosità mirando a conquistare ciò che più preme loro: il possesso per lui, l’amore per lei.

Torna alla pagina precedente

la Biennale di Venezia © 2006   tutti i contenuti sono coperti da copyright