ASAC Dati

la Biennale di Venezia: Archivio Storico delle Arti Contemporanee

home > Attività e manifestazioni > Cinema > Ricerca avanzata film
 

MORTE DI UN MATEMATICO NAPOLETANO

Gran Premio Speciale della Giuria (1992)

Partecipazioni

Venezia 49
49. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica (1992)

Supporti:

MORTE DI UN MATEMATICO NAPOLETANO

MORTE DI UN MATEMATICO NAPOLETANO

MORTE DI UN MATEMATICO NAPOLETANO


Titolo BiennaleMORTE DI UN MATEMATICO NAPOLETANO
Tit. distrib. ital.MORTE DI UN MATEMATICO NAPOLETANO
Anno1992
RegiaMario Martone
SceneggiaturaMario Martone, Fabrizia Ramondino
SoggettoMario Martone, Fabrizia Ramondino
FotografiaLuca Bigazzi
MusicaMichele Campanella
InterpretiCarlo Cecchi, Anna Bonaiuto, Renato Carpentieri, Antonio Neiwiller, Toni Servillo, Licia Maglietta, Fulvia Carotenuto, Roberto De Francesco, Andrea Renzi, Lucio Amelio, Vera Lombardi, Alessandra D'Elia
NazionalitàItalia
LinguaItaliano
Dati tecniciLungometraggio, Colore, 108 minuti, 35 mm
MontaggioJacopo Quadri
ScenografiaGiancarlo Muselli
CostumiMetella Raboni
ProduzioneTeatri Uniti Coop, Angio Films
DistribuzioneSacis
Distribuzione italianaMikado Film S.r.l.

Sinossi: Maggio 1959. È notte e nella sala d’attesa della stazione Termini di Roma un uomo in stato di ubriachezza viene fermato dalla polizia ferroviaria. Si tratta di un docente di analisi matematica presso l’ateneo napoletano, un membro dell’Accademia dei Lincei, un celebre scienziato schedato come comunista. Renato, questo il suo nome, viene rilasciato e torna a casa con il primo treno del mattino. In una Napoli afosa e opprimente inizia la sua ultima settimana di vita. Osserviamo Renato all’università, con gli amici, nei suoi rapporti famigliari, ma anche quando, solo vaga per Napoli, sempre a piedi. Ricostruiamo, un po’alla volta il suo passato mentre gli eventi della settimana si compongono nella necessità di un atto da lungo tempo rimandato: il suo ultimo e definitivo atto di uomo libero. Nel motivare questo suicidio, nessuna ragione prevale sull’altra e gli eventi si sovrappongono come i tasselli di un mosaico: il disgusto per l’ambiente accademico, il logoramento del suo genio matematico, la sfiducia nella politica, i rapporti amorosi e gli opprimenti legami familiari. Nel corso del funerale, le orazioni funebri e i discorsi dei partecipanti fissano così lo strano personaggio che in vita come in morte ha turbato l’ordine dei benpensanti e stravolto la tranquilla normalità cittadina. E Napoli stessa si richiude su di lui.

Torna alla pagina precedente

la Biennale di Venezia © 2006   tutti i contenuti sono coperti da copyright