ASAC Dati

la Biennale di Venezia: Archivio Storico delle Arti Contemporanee

home > Attività e manifestazioni > Cinema > Ricerca avanzata film
 

IL GATTOPARDO

Titolo BiennaleIL GATTOPARDO
Tit. distrib. ital.IL GATTOPARDO
Anno1963
RegiaLuchino Visconti
SceneggiaturaLuchino Visconti, Suso Cecchi d'Amico, Enrico Medioli, Pasquale Festa Campanile, Massimo Franciosa
FotografiaGiuseppe Rotunno
MusicaNino Rota
InterpretiBurt Lancaster, Claudia Cardinale, Alain Delon, Rina Morelli, Romolo Valli, Paolo Stoppa, Terence Hill, Lucilla Morlacchi, Serge Reggiani, Leslie French, Ottavia Piccolo, Pierre Clémenti, Ivo Garrani
NazionalitàFrancia, Italia
Dati tecniciLungometraggio, Colore, 205 minuti, 35 mm
MontaggioMario Serandrei
ScenografiaMario Garbuglia
CostumiPiero Tosi
ProduzionePathé Cinéma, Titanus
DistribuzioneTitanus

Sinossi: Il cinema è una porzione importante della nostra memoria storica, sociale e artistica; fa parte a pieno e indiscutibile titolo di un patrimonio culturale e dev'essere salvaguardato e, all'occorrenza, recuperato e restaurato con lo stesso impegno che si dedica - o si dovrebbe dedicare - a un affresco o a un monumento. Non tutti si rendono conto, anche limitando l'attenzione al solo cinema italiano, di quanta parte di questo preziosissimo patrimonio sia già andata perduta o rischi di perdersi a breve scadenza in assenza di opportuni interventi: proprio ciò che stava per accadere per Il Gattopardo. Il Centro Sperimentale di Cinematografia - istituzione pubblica che comprende anche la Cineteca Nazionale - ha già effettuato in passato alcune importanti operazioni di "salvataggio". L'operazione "Gattopardo" segna però l'inizio di una nuova e più impegnativa fase che vede anche un progetto di collaborazione istituzionale con altri organismi pubblici e privati. (...) Dopo il Gattopardo molti altri capolavori cinematografici italiani attendono infatti interventi urgenti: il primo della nostra lista è un altro grnade film di Luchino Visconti, Senso, il cui negativo originale è attualmente su tre matrici separate, secondo un procedimento non più utilizzato da anni e che necessita dunque di un immediata trasposizione in termini che consentano una conservazione e una fruizione futura altrimenti impossibili.

Torna alla pagina precedente

la Biennale di Venezia © 2006   tutti i contenuti sono coperti da copyright