ASAC Dati

la Biennale di Venezia: Archivio Storico delle Arti Contemporanee

home > Attività e manifestazioni > Cinema > Ricerca avanzata film
 

UN, DEUX, TROIS SOLEIL

Gran Premio dell'Accademia Europea (1993)
Osella per la migliore musica a Hadj Brahim Khaled (1993)
Coppa Volpi per la migliore interpretazione maschile non protagonista a Marcello Mastroianni (1993)

Partecipazioni

Venezia 50 - In Concorso
50. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica (1993)


TraduzioneUNO, DUE, TRE... STELLA!
Titolo BiennaleUN, DEUX, TROIS SOLEIL
Tit. distrib. ital.UNO, DUE, TRE STELLA!
Anno1993
RegiaBertrand Blier
SceneggiaturaBertrand Blier
FotografiaGérard de Battista
InterpretiAnouk Grinberg, Marcello Mastroianni, Olivier Martinez, Myriam Boyer, Jean-Michel Noirey, Jean-Pierre Marielle, Claude Brasseur, Patrick Bouchitey
NazionalitàFrancia
LinguaFrancese
Dati tecniciLungometraggio, Colore, 105 minuti, 35 mm
MontaggioClaudine Merlin
ScenografiaJean-Jacques Caziot
ProduzioneCiné Valse, Gaumont, France 3 Cinéma
DistribuzioneGaumont Buena Vista International

Sinossi: In periferia, il sorriso di una ragazzina si trasforma presto in un pugno chiuso. E il reggipetto in un'armatura. E il sole nella notte più buia. Ci sono dei tipi che si vantano quando sparano a un ragazzo con un bel faccino colpendolo alle spalle. A Victorine piace spruzzarli con la benzina quando sono davvero idioti, come quelli che difendono i loro videoregistratori con un fucile a canne mozze. Darebbe fuoco a tutta la zona se non riuscisse a controllarsi. E poi ucciderebbe volentieri anche sua madre, solo per sistemare un pò le cose. E prenderebbe volentieri a calci nel sedere suo padre solo per tenerlo lontano dal suo pastis. Crescere, crescere come edera velenosa, sferrando un colpo a destra, sferrando un colpo a destra e uno a sinistra, ecco in cosa consiste il destino di Victorine. Un giorno conoscerà Maurice, il tipo che ha talmente l'aspetto di un futuro marito che non avrà senso parlarne: tanto vale farci subito un paio di bambini. Due bambini in più in periferia, non li noterà quasi nessuno.

Torna alla pagina precedente

la Biennale di Venezia © 2006   tutti i contenuti sono coperti da copyright