ASAC Dati

la Biennale di Venezia: Archivio Storico delle Arti Contemporanee

home > Attività e manifestazioni > Cinema > Ricerca avanzata film
 

PRORVA

Partecipazioni

Notti Veneziane
49. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica (1992)

Supporti:

MOSCOU PARADE


TraduzionePRORVA - PARATA MOSCOVITA
Titolo BiennalePRORVA - MOSCOU PARADE
Anno1992
RegiaIvan Dykhovichnyj
SceneggiaturaNadezhda Kozhushannaya, Ivan Dykhovichnyj
FotografiaVadim Yusov
MusicaYuri Butsko
InterpretiUte Lemper, Aliona Antonova, Yekaterina Ryzhikova, Natalya Kolyakanova, Aleksandr Feklistov, Aleksei Kortnev, Vladimir Simonov, Evgeniy Sidikhin, Dmitriy Dykhovichnyy, Sergei Makovetsky, Aleksandr Baluev, Pyotr Zaychenko, Jurij Odinokov
NazionalitàFrancia, Russia (Federazione Russa)
Dati tecniciLungometraggio, Colore, 105 minuti, 35 mm
MontaggioEleonora Praksina
ScenografiaVladimir Aronin
CostumiValentine Breton des Loys
ProduzioneCompagnie Est-Ouest, Project Kampo
DistribuzioneProject Kampo, Compagnie Est-Ouest

Sinossi: Mosca, estate 1939. Germania e Unione Sovietica si sono appena accordate per la spartizione del territorio europeo. Hitler è pronto ad attaccare, Stalin regna sull’URSS come un monarca assoluto. Il suo strumento è la NKVD, la polizia segreta a cui sono concessi tutti gli abusi e i privilegi. Anna, un’aristocratica di antica famiglia, ha sposato uno dei capi della sua nuova condizione: abitazioni lussuose, limousine, crociere sul fiume. Fino al giorno in cui si innamora di un semplice portabagagli. Il loro è un rapporto tormentato: un giorno hanno un litigio, lui la colpisce, lei perde un occhio. Attorno ad Anna gravitano gli onnipotenti membri della nomenclatura: organizzatori di sfarzose parate militari, colonnelli di polizia che fanno arrestare le loro prede per violentarle, persecutrici dell’Associazione Scrittori che spingono i giovani poeti al suicidio … Chi può scappa, si nasconde. Gli altri soccombono sotto i colpi del sistema. Perfino il marito di Anna subisce l’epurazione dalla NKVD. In questo universo mostruoso che funziona come una trappola, Anna cerca con tutte le sue forze di ritagliarsi uno spazio per vivere la sua storia d’amore.

Torna alla pagina precedente

la Biennale di Venezia © 2006   tutti i contenuti sono coperti da copyright