ASAC Dati

la Biennale di Venezia: Archivio Storico delle Arti Contemporanee

home > Attività e manifestazioni > Cinema > Ricerca avanzata film
 

UN'ALTRA VITA

Partecipazioni

Vetrina del Cinema Italiano
49. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica (1992)

Supporti:

ALTRA VITA (UN')

ALTRA VITA (UN')

ALTRA VITA (UN')


Titolo BiennaleUN'ALTRA VITA
Tit. distrib. ital.UN'ALTRA VITA
Anno1992
RegiaCarlo Mazzacurati
SceneggiaturaCarlo Mazzacurati, Franco Bernini
SoggettoCarlo Mazzacurati, Franco Bernini
FotografiaAlessandro Pesci
MusicaRalph Towner
InterpretiSilvio Orlando, Adrianna Biedrzynska, Claudio Amendola, Giorgio Tirabassi, Antonello Fassari, Antonella Ponziani, Monica Scattini, Pasquale Anselmo, Luisa De Santis, Maciej Robakiewicz
NazionalitàItalia
LinguaItaliano
Dati tecniciLungometraggio, Colore, 95 minuti, 35 mm
MontaggioMirco Garrone
ScenografiaMassimo Spano
CostumiMaria Rita Barbera
ProduzioneErre Produzioni, Rai Radiotelevisione Italiana - Rai 2
DistribuzioneSacis
Distribuzione italianaD.A.R.C.

Sinossi: Roma. Una sera d’estate Saverio, un dentista, conosce Alia, una ragazza russa venuta nel suo studio per farsi curare. La ragazza insiste per essere visitata subito, nonostante l’ora. Saverio accetta. I due parlano, si confidano. La mattina, a lavoro ultimato, Alia scompare senza pagare. Qualche giorno dopo ricompare. Saverio la corteggia e una notte fanno l’amore. Poi Alia scompare di nuovo. Saverio parte alla ricerca della ragazza. Tramite un’amica di lei, entra in contatto con uno strano gruppo di ragazzi e conosce Mauro. Tra di loro nasce una solida amicizia che sopravive anche alla scoperta che Alia è stata la donna di Mauro. Saverio continua invano a cercare Alia e proprio quando ha ormai perso ogni speranza, trova la pista per raggiungerla nella casa in cui si è rifugiata, in un paesino di mare vicino a Roma. Ma Alia si è quasi dimenticata di lui. Un sabato Saverio e Mauro vanno insieme a una festa di compleanno. Mauro per caso viene a conoscenza del luogo in cui Alia si è rifugiata e corre a raggiungerla. Saverio, in preda a un oscuro timore, lo segue.

Torna alla pagina precedente

la Biennale di Venezia © 2006   tutti i contenuti sono coperti da copyright