ASAC Dati

la Biennale di Venezia: Archivio Storico delle Arti Contemporanee

home > Attività e manifestazioni > Cinema > Ricerca avanzata film
 

MATHILUKAL

Partecipazioni

Venezia 47
47. Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica (1990)


TraduzioneMURA
Titolo BiennaleMATHILUKAL
Anno1990
RegiaAdoor Gopalakrishnan
SceneggiaturaAdoor Gopalakrishnan
SoggettoVaikom Muhammad Basheer
FotografiaRavi Varma
MusicaVijaya Bhaskar
InterpretiMammootty, Thilakan, Murali (II), Ravi Vallathol, Karamana Janardanan Nair, Sreenath, Babu Nampoothiri, Jagannatha Varma, Vempayam, Azeez (II), P.C. Solman, Punnapra Appachan, B. K. Nair, Kallada Vijayan, P.K. Krishnan Kutty Nair, T. Sudhakaran, Aliyar
NazionalitàIndia
LinguaMalayalam
Dati tecniciLungometraggio, Colore, 117 minuti, 35 mm
MontaggioM. Mani
CostumiN. Sivan
ProduzioneAdoor Gopalakrishnan Productions
DistribuzioneNational Film Development - Corporation Ltd Bombay - Discovery of India

Sinossi: Basheer è uno scrittore che si batte con tutte le proprie forze per la libertà dell'India. Più volte incarcerato per le sue lotte politiche, si trova ora di nuovo in prigione da più di un anno senza aver subito alcun processo. Su suggerimento del locale ispettore di polizia, che prova una spiccata simpatia per lui, Basheer intraprende uno sciopero della fame per sollecitare un regolare arresto. Finalmente processato, viene condannato a due anni e mezzo di carcere di rigore. La semplicità, la modestia e il buon cuore di Basheer gli procurano moltissimi amici. Rapidamente si abitua alle condizioni di vita del carcere, inoltre l'attendente ospedaliero è un compositore suo vecchio amico, mentre l'aiuto carceriere, suo fervido ammiratore, conversa volentieri con lui di letteratura e lo tiene al corrente dei successi che le sue opere stanno riscuotendo all'estero. Un giorno giunge voce dell'imminente scarcerazione dei prigionieri politici. La notizia è accolta con entusiasmo, in breve tutti vengono rimessi in libertà tranne Basheer, che rimane solo, disperato e frustrato a vagare senza meta per i corridoi del carcere. All'improvviso, una voce di donna, proveniente da oltre il muro che lo separa dal carcere femminile, perfora il vuoto che lo circonda. Per Basheer una nuova vita ha inizio, una tenera amicizia nasce tra i due, nonostante la barriera invalicabile del muro. Decidono infine di trovarsi nell'ospedale della prigione, ma la mattina fissatata per l'incontro Basheer viene finalmente liberato.

Torna alla pagina precedente

la Biennale di Venezia © 2006   tutti i contenuti sono coperti da copyright