ASAC Dati

la Biennale di Venezia: Archivio Storico delle Arti Contemporanee

home > Attività e manifestazioni > Cinema > Ricerca avanzata film
 

GOODFELLAS

Leone d'argento per la migliore regia (1990)

Partecipazioni

Venezia 47
47. Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica (1990)

Venezia Classici
77. Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica (2020)

Supporti:

QUEI BRAVI RAGAZZI (T.O. GOODFELLAS)

QUEI BRAVI RAGAZZI (T.O. GOODFELLAS)

QUEI BRAVI RAGAZZI (T.O. GOODFELLAS)


Titolo BiennaleGOODFELLAS
Tit. distrib. ital.QUEI BRAVI RAGAZZI
Anno1990
RegiaMartin Scorsese
SceneggiaturaNicholas Pileggi, Martin Scorsese
SoggettoNicholas Pileggi
FotografiaMichael Ballhaus
MusicaChristopher (III) Brooks
Aiuto regiaJoseph P. Reidy
InterpretiRobert De Niro, Ray Liotta, Joe Pesci, Lorraine Bracco, Paul Sorvino
NazionalitàStati Uniti D'America
LinguaInglese
Dati tecniciLungometraggio, Colore, 145 minuti, 35 mm, Conrad Brink, Sr
MontaggioThelma Schoonmaker A.C.E.
ScenografiaKristi Zea
CostumiRichard Bruno
ProduzioneWarner Bros
Distribuzione internazionaleWarner Bros
Distribuzione italianaWarner Bros Productions Italia

Sinossi: E' la vera storia di Henry Hill, un ragazzo di padre irlandese e madre siciliana, e della sua carriera di mafioso durata trent'anni. Sin da giovanissimo Henry è attratto dai cosiddetti "dritti" che popolano il suo quartiere, decide quindi di entrare a far parte di quel mondo. Comincia dalla gavetta, partecipando a "lavoretti" ai margini della malavita. Il suo apprendistato è favorito da James Conway, che per Henry è un idolo, il modello da imitare. James ricambia l'ammirazione di Henry e lo rende partecipe di tutti i segreti del mestiere. Il migliore amico di Henry è Tommy de Vito, che ben presto dimostra di avere un talento innato per il crimine e una certa propensione per l'omicidio e la violenza. Henry incontra Karen, una bellissima ragazza ebrea di buona famiglia che non sa niente della sua attività e la sposa...La vita dei "bravi ragazzi" infatti, scorre apparentemente normale: si sposano, hanno figli, amano la famiglia e rispettano l'amicizia, non devono però mai trasgredire le regole. Ma anche la mafia subisce il cambiamento dei tempi, e se negli anni cinquanta l'attività principale era il furto, l'estorsione e il contrabbando, negli anni settanta e ottanta è il traffico di stupefacenti l'attività più importante e redditizia. Henry, con la complicità di James e Tommy avvia un lucroso traffico, all'insaputa del boss Paul Cicero. Ben presto le cose precipitano e Henry viene arrestato, diventando così pericoloso per i suoi ex compari che questi decidono di farlo fuori. Ad Henry, aiutato da Karen, non resterà che accettare la proposta dell'FBI di raccontare tutto delle sue attività criminose e di quelle dei suoi complici, ottenendo in cambio libertà, protezione e la possibilità di cambiare vita in un altro stato.

Torna alla pagina precedente

la Biennale di Venezia © 2006   tutti i contenuti sono coperti da copyright