ASAC Dati

la Biennale di Venezia: Archivio Storico delle Arti Contemporanee

home > Attività e manifestazioni > Cinema > Ricerca avanzata film
 

CONDANNATO A NOZZE

Partecipazioni

Panorama Italiano
50. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica (1993)

Supporti:

CONDANNATO A NOZZE

CONDANNATO A NOZZE

CONDANNATO A NOZZE


Titolo BiennaleCONDANNATO A NOZZE
Tit. distrib. ital.CONDANNATO A NOZZE
Anno1993
RegiaGiuseppe Piccioni
SceneggiaturaFranco Bernini, Fabrizio Bettelli, Giuseppe Piccioni
FotografiaRoberto Meddi
MusicaAntonio Di Pofi
Aiuto regiaRiccardo Cannone
InterpretiSergio Rubini, Margherita Buy, Valeria Bruni Tedeschi, Asia Argento, Patrizia Piccinini, Olivia Gozzano, Stefano Abbati
NazionalitàItalia
LinguaItaliano
Dati tecniciLungometraggio, Colore, 110 minuti, 35 mm
MontaggioEsmeralda Calabria
ScenografiaLorenzo Baraldi
CostumiMarina Campanale
ProduzionePenta Film, Esterno Mediterraneo Film
DistribuzionePenta

Sinossi: Roberto è combattuto tra due desideri contrapposti: la fedeltà eterna ad una sola donna (Sandra, la sua compagna) e quello di seguire l'istinto che lo porta a corteggiare ogni altra donna che incontra. Il desiderio di Roberto di avere due vite è talmente profondo che, alla fine, diventa realtà. In ognuna della due vite Roberto conduce la propria esperienza fino all'estremo limite. Il primo Roberto si sposa con Sandra, la fedeltà è la sua regola, una regola che impone, con le buone o con le cattive, a tutti quelli che conosce, si attiene fino all'ossessione a questa sua morale, fino a diventare insopportabile nel tentativo di convertire gli altri a una sorta di religione della responsabilità e della colpa. Il secondo Roberto, dapprima con Gloria, poi con qualsiasi altra donna gli capiti, si abbandona ad un crescendo di avventure contrassegnate da un'assoluta mancanza di scrupoli. Entrambi seguono la propria strada con estrema coerenza e altrettanta intolleranza, incuranti dei danni che provocano a loro stessi e agli altri. Sono entrambi diventati degli estremisti e un giorno entrano fatalmente in rotta di collisione..

Torna alla pagina precedente

la Biennale di Venezia © 2006   tutti i contenuti sono coperti da copyright