ASAC Dati

la Biennale di Venezia: Archivio Storico delle Arti Contemporanee

home > Attività e manifestazioni > Cinema > Ricerca avanzata film
 

LA LEGGENDA DEL SANTO BEVITORE

Leone d'oro (1988)

Partecipazioni

Venezia 45
45. Mostra Internazionale del Cinema (1988)

Aspettando la Mostra
65. Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica (2008)

Leone d'oro alla carriera
65. Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica (2008)

Supporti:

LEGGENDA DEL SANTO BEVITORE (LA) (DA ROTH)

LEGGENDA DEL SANTO BEVITORE (LA)

Documenti ASAC

Foto
Pellicola in archivio
Sequenza dal film (2,92 MB, formato WMV)


Titolo BiennaleLA LEGGENDA DEL SANTO BEVITORE
Tit. distrib. ital.LA LEGGENDA DEL SANTO BEVITORE
Anno1988
RegiaErmanno Olmi
SceneggiaturaTullio Kezich, Ermanno Olmi
SoggettoJoseph Roth
FotografiaDante Spinotti
MusicaIgor Fyodorovich Stravinsky
InterpretiCécile Paoli, Rutger Hauer, Anthony Quayle, Dominique Pinon, Sandrine Dumas, Sophie Segalen, Jean-Maurice Chanet, Joseph De Medina, Franco Aldighieri
NazionalitàItalia
LinguaInglese, Francese
Dati tecniciLungometraggio, Colore, 125 minuti, 35 mm
MontaggioErmanno Olmi
ScenografiaGianni Quaranta, Jean-Jacques Caziot
CostumiAnne-Marie Marchand
ProduzioneAura Film (Roma), Cecchi Gori Group Tiger Cinematografica (Roma), RAIUNO
DistribuzioneCecchi Gori Group Tiger Cinematografica (Roma)

Sinossi: Sotto i ponti della Senna un misterioso benefattore sceglie, tra i tanti diseredati che vi hanno preso dimora, Andreas Kartak (un ex minatore oriundo della Slesia e finito in carcere per un delitto d'amore) e inaspettatamente gli dà, a titolo di prestito, 200 franchi. Andreas però deve rispettare una condizione: il denaro dovrà essere restituito la domenica mattina, dopo la Messa, presso la chiesa in cui si trova la statua della piccola Santa Teresa di Lisieux. Per Andreas, che si sentiva ormai naufragare tra un bicchiere e l'altro, inizia una prodigiosa rinascita. Una schiera di personaggi entra a far parte della sua nuova vita interferendo con la sua determinazione di restituire i soldi. L'odissea metropolitana di Andreas dura due settimane e mezzo fra amori fugaci e incontri ricchi di amicizia vissuti sullo sfondo di una Parigi reale e favolosa ad un tempo. Dal passato riemerge Karoline, la donna per cui ha involontariamente ucciso; dall'infanzia riaffiora un compagno di scuola divenuto pugile famoso. E' proprio quest'ultimo a trovargli una sistemazione presso l'albergo in cui il "santo bevitore" ha un'avventura sentimentale con Gabby, ballerina del Varietà... Mentre la vita moltiplica le sue allettanti offerte, contrappunte da effimeri miracoli quotidiani. Andreas prova un pungente rimorso per non aver ancora restituito i duecento franchi.

Torna alla pagina precedente

la Biennale di Venezia © 2006   tutti i contenuti sono coperti da copyright