ASAC Dati

la Biennale di Venezia: Archivio Storico delle Arti Contemporanee

home > Attività e manifestazioni > Cinema > Ricerca avanzata film
 

COLD LIGHT OF DAY

Partecipazioni

Settimana Internazionale della Critica
47. Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica (1990)

Supporti:

COLD LIGHT OF DAY


TraduzioneLA FREDDA LUCE DEL GIORNO
Titolo BiennaleCOLD LIGHT OF DAY
Anno1989
RegiaFhiona Louise
SceneggiaturaFhiona Louise
FotografiaNigel Axeworthy
MusicaPaul Stuart Davies
InterpretiBob Flag, Geoffrey Greenhill, Martin Byrne-Quinn, Andrew Edmans, Bill Merrow, Clare King, Mark Hawkins, Jackie Cox
NazionalitàGran Bretagna
LinguaInglese
Dati tecniciLungometraggio, Colore, 81 minuti, 16 mm
MontaggioLeroy Stamps
ProduzioneCreative Artists Inc.
DistribuzioneVisual Entertainment Group
NoteIl soggetto del film è tratto dalla storia vera di Dennis Andrew Nilson.

Sinossi: E' una grigia, fredda, inquietante mattina londinese. Un'auto si arresta di fronte al n.23 di Langley Gardens, ne escono tre poliziotti in borghese. Nel proprio appartamento Jorden March fuma e aspetta. Sta per essere incriminato per l'omicidio di quindici uomini. Tutto era iniziato il giorno in cui aveva inontrato Joe in quel sordido bar Si era subito perdutaente innamorato di lui e lo aveva invitato a vivere nella sua casa. Fin dai primi tempi la convivenza era stata avvelenata dai continui tradimenti di Joe. Un giorno, pazzo di gelosia, gli aveva stretto la cravatta attorno al collo strangolandolo. Aveva piantato a lungo il suo corpo esanime, aveva considerato con orrore l'accaduto, ed aveva continuato a tenere presso di sè Joe ed a parlargli come se fosse stato ancora vivo. Qualche tempo dopo, una notte, in un caffè semivuoto, March si era sentito fissare a lungo da un giovane vagabondo, gli aveva offerto sigarette e denaro per sbarazzarsi di lui ma il ragazzo aveva insistito per seguirlo a casa. March è ora perseguitato da incubi tremendi, ma il senso di onnipotenza che prova nel provocare la morte è più forte di tutto....

Torna alla pagina precedente

la Biennale di Venezia © 2006   tutti i contenuti sono coperti da copyright