ASAC Dati

la Biennale di Venezia: Archivio Storico delle Arti Contemporanee

home > Attività e manifestazioni > Cinema > Ricerca avanzata film
 

WINCKELMANNS REISEN

Partecipazioni

Settimana Internazionale della Critica
47. Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica (1990)


TraduzioneI VIAGGI DI WINCKELMANN
Titolo BiennaleWINCKELMANNS REISEN
Anno1990
RegiaJan Schütte
SceneggiaturaThomas Strittmatter, Jan Schütte
FotografiaSophie Maintigneux
MusicaClaus Bantzer
InterpretiWolf-Dietrich Sprenger, Susanne Lothar, Traugott Buhre, Udo Samel, Mine-Marei Wiegandt, Mathias Gnädinger, Fritz Lichtenhahn, Jan Biczycki, Horst Mendroch, Horst-Joachim Berodt, Axel Milberg, Bodo Abel
NazionalitàGermania
LinguaTedesco
Dati tecniciLungometraggio, Bianco e Nero, 80 minuti, 35 mm
MontaggioRenate Merck
ScenografiaKatharina Wöppermann
CostumiKatharina Wöppermann
ProduzioneNovoskop Film
DistribuzionePandora Filmproduktion Frankfürt

Sinossi: Ernst Winckelmann è un rappresentante di shampoo svizzeri. La sua zona operativa si trova a nord di Amburgo ed ha come clienti piccoli parrucchieri e profumerie. Non è una professione con un grande futuro. I suoi conoscenti lo invidiano per la sua "libertà professionale", ma, in realtà, Ernst è prigioniero del suo lavoro e del suo passato. Il breve matrimonio con una tedesca dell'Est alimenta ancora i suoi sogni ed i suoi desideri anche se si è concluso da ormai sette anni. Aline, la sua giovane amica, ha scarsissime possibilità di prevalere sui suoi ricordi e, quanto a sè - trattenuta dal difficile amore per Ernst e dalla preoccupazione per il padre che gestisce un piccolo bar - non sa risolversi ad accettare un lavoro in un albergo di Ostenda. La sera dopo la grande festa dei rappresentanti, in cui è stato premiato il migliore venditore dell'anno, appare Rosa: ha cinque anni ed è figlia della ex moglie. Ernst dovrebbe prendersi cura della vivace bambina per una intera giornata. Pian piano i due, così differenziati, iniziano a fare amicizia e, con Aline, vanno a fare una gita al mare che avrà un esito del tutto imprevisto.

Torna alla pagina precedente

la Biennale di Venezia © 2006   tutti i contenuti sono coperti da copyright