ASAC Dati

la Biennale di Venezia: Archivio Storico delle Arti Contemporanee

home > Attività e manifestazioni > Cinema > Ricerca avanzata film
 

IN UNA NOTTE DI CHIARO DI LUNA

Partecipazioni

Venezia 46
46. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica (1989)


Titolo BiennaleIN UNA NOTTE DI CHIARO DI LUNA / ON A MOONLIT NIGHT
Tit. distrib. ital.IN UNA NOTTE DI CHIARO DI LUNA
Anno1989
RegiaLina Wertmüller
SceneggiaturaLina Wertmüller
SoggettoLina Wertmüller
FotografiaCarlo Tafani
MusicaAvion Travel
InterpretiRutger Hauer, Nastassja Kinski, Peter O'Toole, Faye Dunaway, Dominique Sanda, Lorraine Bracco, Massimo Wertmüller, George Eastman
NazionalitàFrancia, Italia
Dati tecniciLungometraggio, Colore, 107 minuti, 35 mm
MontaggioPierluigi Leonardi
ScenografiaEnrico Job
CostumiGianni Versace, Gino Persico
ProduzioneI.I.F. Italian International Film s.r.l., Istituto Luce - Italnoleggio Cinematografico, Carthago Films

Sinossi: "Roma, Italia, gennaio 1985. Due ragazzi giovanissimi, sposati da un anno, si sono separati per paura di essere sieropositivi. Il dato più allarmante è invece che non avevano niente. La paura li ha spinti a questa follia. Il padre, disperato, dà la colpa della tragedia ai mass media. L'ignoranza, la cattiva informazione, il terrore di questa malattia dilagante come l'onda di una maledizione biblica da apocalisse, hanno fatto diventare la paura a sua volta una malattia mortale". Con questa testimonianza comincia una lunga inchiesta di John Knot, giornalista americano freelance, sulla psicosi di massa, cagionata da quello che i giornali hanno chiamato "la peste del secolo". John Knot è un uomo d'azione, libero e amante dell'avventura, che dopo anni di guerre e guerriglie è passato ad occuparsi di questo "dramma civile". Lui e Massimo - il giovane fotografo italiano al suo fianco in Libano, nella incandescente Beirut dove i giornalisti restano asserragliati negli alberghi per mesi - avevano conosciuto una fotografa, Joelle. Fra Lei e John era nata una storia che era più di una semplice avventura, ma un bel giorno Joelle scompare misteriosamente. Questo è l'antefatto. Adesso John è immerso nella sua inchiesta sociale, che vuole vivere in prima persona, percorrendo le città del mondo e fingendosi sieropositivo per raccogliere le reazioni della gente nelle differenti classi sociali. Massimo è con lui per fornire fotografie a questa inchiesta. E' al giornale, a Parigi, che John e Joelle si rincontrano. Ed è subito chiaro che non si vogliono lasciare più. Ma il caso sconvolgerà questo progetto.

Torna alla pagina precedente

la Biennale di Venezia © 2006   tutti i contenuti sono coperti da copyright