ASAC Dati

la Biennale di Venezia: Archivio Storico delle Arti Contemporanee

home > Attività e manifestazioni > Cinema > Ricerca avanzata film
 

ISLAND OF THE BLUE DOLPHINS

Osella d'argento per i film a soggetto (1964)

Partecipazioni

16. Mostra Internazionale del Film per Ragazzi - Categoria 4 - Film a soggetto della normale produzione adatti ai ragazzi
25. Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica di Venezia (1964)

Documenti ASAC

Foto


TraduzioneL'ISOLA DEI DELFINI BLU
Titolo BiennaleTHE ISLAND OF THE BLUE DOLPHINS
Tit. distrib. ital.L'ISOLA DEI DELFINI BLU
RegiaJames B. Clark
SceneggiaturaTed Sherdeman, Jane Klove
SoggettoScott O'Dell
FotografiaLeo Tover
MusicaPaul Sawtell
InterpretiCelia Kay, Larry Domasin, Ann Daniel, Carlos Romero, George Kennedy, Hal John Norman
NazionalitàStati Uniti D'America
Dati tecniciLungometraggio, Colore, 93 minuti
MontaggioTed J. Kent
ScenografiaAlexander Golitzen, George C. Webb
CostumiRosemary Odell
ProduzioneUniversal Pictures, Robert B. Radnitz Productions, Ltd.

Sinossi: In un tempo lontano una tribù indiana viveva in una remota isola al largo delle coste della California. La giovane Karana, dopo la morte della madre, si prende cura del fratellino Rama e di suo padre Chowing, che è il capo della tribù. Arriva all'isola una nave con uomini bianchi che offrono loro utensili e armi in cambio di pelli di foca. Una volta ottenute le pelli, gli uomini bianchi massacrano la tribù, uccidono Chowing e lasciano in vita solo pochi superstiti che si mettono in salvo con un battello mandato loro da una missione. Karana e Ramo, rimasti soli, sono costantemente minacciati da un branco di cani selvaggi. Ramo viene sopraffatto e ucciso e Karana vuole vendicare la morte del fratello e riesce a colpire con una freccia il cane assassino. Accorgendosi che il cane è ancora in vita, impietosita ne estrae la freccia, lo guarisce e diventano amici. Molti anni dopo arriva all'isola un gruppo di cacciatori, fra i quali vi è una giovane, Tutoc, che cerca di fare amicizia con Karana e la prega di venire via con lei. Ma la fanciulla rifiuta. Quando il suo cane preferito muore, Karana cerca di fare amicizia con gli altri cani e vi riesce. Più tardi arriva un altro battello con la gente della Missione che è venuta a cercarla. Essa sempre diffidente, dapprima si nasconde ma poi si lascia convincere a seguirli.

Torna alla pagina precedente

la Biennale di Venezia © 2006   tutti i contenuti sono coperti da copyright