ASAC Dati

la Biennale di Venezia: Archivio Storico delle Arti Contemporanee

home > Attività e manifestazioni > Cinema > Ricerca avanzata film
 

THE BAREFOOT CONTESSA

Partecipazioni

Omaggio a Joseph L. Mankiewicz
44. Mostra Internazionale del Cinema (1987)


TraduzioneLA CONTESSA SCALZA
Titolo BiennaleTHE BAREFOOT CONTESSA
Tit. distrib. ital.LA CONTESSA SCALZA
Anno1954
RegiaJoseph Leo Mankiewicz
SceneggiaturaJoseph Leo Mankiewicz
FotografiaJack Cardiff
MusicaMario Nascimbene
InterpretiAva Gardner, Humphrey Bogart, Edmond O'Brien, Marius Goring, Valentina Cortese, Elizabeth Sellars, Warren Stevens, Mari Aldon, Rossano Brazzi, Franco Interlenghi, Alberto Rabagliati
NazionalitàStati Uniti D'America
LinguaInglese
Dati tecniciLungometraggio, Colore, 128 minuti, 35 mm
MontaggioWilliam Hornbeck
CostumiFontana
ProduzioneUnited Artists, Figaro Inc.
Distribuzione italianaDear

Sinossi: Maria Vargas, la star di Hollywood, è morta. Nel giorno della sepoltura i presenti ricordano la sua vita. Ballerina di cabaret a Madrid, Maria viene scoperta da Kirk Edwards, agente e produttore cinematografico, che a tutti i costi vuole condurla a Hollywood. Maria, seccata dai modi rozzi di Edward, rifiuta. Da lei è però rimasto affascinato anche Harry Dawes, regista in decadenza, che con la sua sensibilità riesce a convincere la ragazza. Giunta in California, Maria interpreta tre film che riscuotono enorme successo. Tuttavia la vita fatua e mondana che è costretta a condurre la annoia e non la soddisfa, cosicché frequenta musicisti e zingari nella vana speranza di incontrare il suo Principe Azzurro, che sa di non poter trovare né in Edward né in Alberto Bravano, playboy sudamericano che la conduce in crociera. Le è di conforto solo l'amicizia, quasi paterna, di Harry, con i suoi consigli e con la sua sincerità. Maria crede, finalmente, di trovare l'uomo dei suoi sogni nel conte Vincenzo Torlato-Favrini, individuo impotente e nevrotico, ossessionato dal non poter assicurare una discendenza alla dinastia a causa di una ferita di guerra. Maria lo sposa e soltanto la prima notte di nozze viene a conoscenza della menomazione del marito. Ella, tuttavia, lo ama. Ama i suoi modi gentili e la sua premurosità al punto da tradirlo con un cameriere per assicurare a Vincenzo un erede. Questi però, sconvolto dalla gelosia, la uccide insieme all'amante. Poi, convinto da Henry, si costituisce.

Torna alla pagina precedente

la Biennale di Venezia © 2006   tutti i contenuti sono coperti da copyright