ASAC Dati

la Biennale di Venezia: Archivio Storico delle Arti Contemporanee

home > Attività e manifestazioni > Cinema > Ricerca avanzata film
 

THE QUIET AMERICAN

Partecipazioni

Omaggio a Joseph L. Mankiewicz
44. Mostra Internazionale del Cinema (1987)


TraduzioneUN AMERICANO TRANQUILLO
Titolo BiennaleTHE QUIET AMERICAN
Tit. distrib. ital.UN AMERICANO TRANQUILLO
Anno1958
RegiaJoseph Leo Mankiewicz
SceneggiaturaJoseph Leo Mankiewicz
SoggettoGraham Greene
FotografiaRobert Krasker
MusicaMario Nascimbene
InterpretiAudie Murphy, Michael Redgrave, Claude Dauphin, Giorgia Moll, Kerima, Bruce Cabot, Fred Sadoff, Richard Loo
NazionalitàStati Uniti D'America
LinguaInglese
Dati tecniciBianco e Nero, 122 minuti, 35 mm, Rocky Cline
MontaggioWilliam Hornbeck
ScenografiaDario Simoni
CostumiGloria Mussetta
ProduzioneFigaro Inc., United Artists
Distribuzione italianaDear

Sinossi: Saigon: durante una tregua, viene trovato sull'argine del fiume, il corpo di un americano. L'ispettore Vigot chiama, ad identificare la salma, il giornalista inglese Fowle. Costui, assieme alla giovane amante Phuong, aveva conosciuto l'americano due mesi addietro. Il giovane, rimasto colpito dal fascino della vietnamita, se ne era presto innamorato, provocando l'agitazione di Fowler che, tuttavia, restava persuaso della lealtà di Phuong. Venuto a conoscenza di un suo prossimo ritorno a Londra, il giornalista aveva ingannato la ragazza affermando di aver ottenuto il divorzio e di poterla condurre con sé. Nel frattempo Fowler aveva conosciuto Heng che, poco alla volta, era riuscito a convincerlo dell'attività terroristica dell'americano. Fowler - timoroso, fra l'altro, di perdere Phuong - aveva accettato di far cadere in agguato, teso da Heng e dai suoi complici, il giovane americano, nonostante questi in passato gli avesse salvato la vita. Parlando con l'ispettore Vigot, il giornalista si rende conto di essere stato vittima di una macchinazione dei comunisti per eliminare l'americano inopportuno. Allo stesso tempo apprende che la moglie gli ha concesso il divorzio: corre con la fresca notizia, da Phuong, che però lo respinge lasciandolo solo e disperato.

Torna alla pagina precedente

la Biennale di Venezia © 2006   tutti i contenuti sono coperti da copyright