ASAC Dati

la Biennale di Venezia: Archivio Storico delle Arti Contemporanee

home > Attività e manifestazioni > Cinema > Ricerca avanzata film
 

CUORE

Partecipazioni

Venezia 41 - Fuori Concorso
41. Mostra Internazionale del Cinema (1984)


Titolo BiennaleCUORE
Tit. distrib. ital.CUORE
Anno1984
RegiaLuigi Comencini
SceneggiaturaLuigi Comencini, Suso Cecchi d'Amico, Cristina Comencini
SoggettoEdmondo De Amicis
FotografiaLuigi Kuveiller
InterpretiJohnny Dorelli, Giuliana de Sio, Laurent Malet, Carlo Calenda, Bernard Blier, Andréa Ferréol
NazionalitàItalia
LinguaItaliano
Dati tecniciLungometraggio, Colore, 134 minuti, 35 mm
MontaggioSergio Buzi
ScenografiaGianni Sbarra
CostumiPaola Comencini
ProduzioneRai Radiotelevisione Italiana - Rai 2, Difilm, Antenne 2
NotePrima e terza puntata di serie televisiva in sei puntate.

Sinossi: Enrico Bottini si arruola felice di andare a combattere e diventare un eroe, e incontra, militari come lui, tre dei suoi compagni di scuola: Garrone, il bambino gigante, amato da tutta la classe perché era il più forte e difendeva i deboli; Coretti, il figlio del legnaiolo, sempre allegro, che studiava scaricando la legna come se niente fosse, e aiutava i compagni senza mettersi in mostra; Rabucco, soprannominato "Muso di lepre" che si ostinava a insegnare a leggere e scrivere al padre muratore. Insieme a loro, Enrico ricostruisce facce, nomi, avventure dei bambini della classe; evoca la figura del maestro Perboni, dei genitori, della bellissima maestrina con la penna rossa, dei compagni assenti. E quei ricordi, messi a confronto con la vita di trincea, appaiono contemporaneamente allegri, lontani e però stranamente premonitori dei fatti tragici della guerra. Come nel caso di Coretti, che muore accanto a Enrico in un'imboscata, mentre insieme a lui ricorda una battaglia di bambini organizzata per gioco dal padre, fanatico ammiratore del re, e in cui a Coretti bambino toccava sempre fare la parte del morto. A Enrico, rimasto solo, non resta che rifugiarsi nei ricordi come l'unica parte di vita vissuta: l'eccitante novità dei primi filmetti muti organizzati nella scuola che narravano le avventure di piccoli eroi bambini; il mistero del padre di Crossi, il figlio dell'erbivendola, che il bambino crede partito per l'America e che invece ha ammazzato un uomo ed è stato in prigione. A mano a mano che la guerra diventa più tremenda e sanguinosa, molti dei personaggi della sua infanzia gli appaiono in una luce diversa e Franti, il bambino cattivo, manesco e discolo, espulso dalla scuola e chiuso in riformatorio, considerato da tutti come un piccolo mostro da evitare, sembrerà ad Enrico l'incarnazione di quei soldati-ragazzi inconsapevolmente mandati a morire.

Torna alla pagina precedente

la Biennale di Venezia © 2006   tutti i contenuti sono coperti da copyright