ASAC Dati

la Biennale di Venezia: Archivio Storico delle Arti Contemporanee

home > Attività e manifestazioni > Musica > Ricerca avanzata musica
 

LABORINTUS II

Partecipazioni

Don Giovanni e l'uom di sasso
54. Festival Internazionale di Musica Contemporanea - Don Giovanni e l'uom di sasso (2010)

Supporti:

PROFESSOR BAD TRIP : LESSON I, LESSON II, LESSON III ; LABORINTUS II (2010)


Anno1965

Sinossi: Berio inizia a comporre Laborintus II nel 1963, quando è al Mills College di Oakland (California), per un lungo periodo di insegnamento. È qui che frequenta le avanguardie di ogni tipo, jazz e rock compresi, impegnandosi in sperimentazioni musicali con i suoi allievi ed ex allievi, tutte esperienze che si rifletteranno nella scrittura dell’opera, che termina nel ’65 e l’anno successivo vince il Prix Italia. Ed è di nuovo al Mills College che Laborintus II, nato da una commissione congiunta della Radiotelevisione francese e della Rai per celebrare i 700 anni dalla nascita di Dante, viene eseguito integralmente sotto la direzione di Berio, dopo la prima mondiale del ’65 a Parigi, sempre con la direzione dell’autore. Il libretto dell’opera di Edoardo Sanguineti, che nel ’56 aveva pubblicato una raccolta di poesie intitolata, appunto, Laborintus, affastella come in un catalogo medievale Dante e la Bibbia, Eliot, Pound e naturalmente Sanguineti. “A volte evocando lo spirito dei madrigali di Monteverdi (la Canzonetta situata un po’ prima dell’inizio), altre volte evocando l’improvvisazione nello stile del free jazz degli anni sessanta, Laborintus II mette a confronto un ensemble vocale atipico (tre voci femminili, otto attori, una voce recitante) con un gruppo strumentale composto per lo più di legni, ottoni e percussioni (gli strumenti a corda si riducono a due violoncelli e a un contrabbasso), completando la sua ricchezza sonora con l'elettronica. Questo pezzo ‘molto aperto, una sorta di teatro per le orecchie’, secondo Berio, conserva oggi tutta la forza e la vitalità ‘delle proliferazioni complesse e infinite’ che Berio doveva rilevare qualche anno più tardi nella musica di Mahler” (dalle note di programma di Pierre Michel).

Durata32 minuti
OrganicoPer voci, strumenti e nastro
Esecuzioni25/09/2010: 20:00 (Teatro alle Tese, Arsenale)
ComposizioneLuciano Berio
DirezioneSusanna Mälkki
Voce recitanteFosco Perinti
EnsembleEnsemble Intercontemporain, Accentus/Axe 21
Torna alla pagina precedente

la Biennale di Venezia © 2006   tutti i contenuti sono coperti da copyright